Riprese video - E' stallo

CONSIGLI COMUNALI


Facciamo chiarezza?







Le recenti cronache comunali italiane spingono la redazione a riprendere una vecchia battaglia. Ci siamo più volte scontrati con l'amministrazione capitanata dal sindaco Zanni. Abbiamo inviato formali richieste di poter riprendere video e audio del consiglio comunale ma il sindaco ci ha sempre negato l'autorizzazione. Il diritto di cronaca è stato calpestato dalla censura del potere e della burocrazia. Il tutto a braccetto con l'opposizione del PDL + Lega. Solo la lista Civica indipendente dai partiti, è riuscita a far approvare il 16 dicembre 2009 la messa on-line delle registrazioni video-audio con una storica mozione. A quasi un anno dall'approvazione non si vedono ancora le telecamere. Questo nonostante il Garate Pricacy ha dato un sostanziale via libera alle riprese. Cito il testo: "Sì alle riprese e alla diffusione televisiva delle riunioni del consiglio comunale, anche al di fuori dell'ambito locale e con le opinioni e i commenti del giornalista, purché i presenti siano stati debitamente informati dell'esistenza delle telecamere." Inequivocabile. Devo dire che negare l'autorizzazione è un vizio che va al di la delle posizioni politiche e dei confini territoriali, Zanni si è comportato proprio come il tanto criticato sindaco leghista di Adro, Oscar Lancini che dopo la scandalosa e ignobile marchiatura della scuola statale con simboli leghisti ha negato le riprese del consiglio comunale. In pratica il consiglio comunale è pubblico ma non troppo. A questo punto perchè non farli a porte chiuse? Lo stesso Segretario Comunale Dott.ssa Garuti mi intima di non diffondere audio e video nel sito citando una sentenza del TAR del Veneto. Poco importa se qualche mese prima lo stesso Sindaco su un altro argomento mi disse: "la sentenza quantanche della Corte di Cassazione non sostituisce la legislazione vigente". TAR, Cassazione, norme vigenti sono solo pagliativi, se una cosa la si vuole fare, si fa! Evidentemente non c'è alcun interesse e forse noi siamo troppo piccoli e ci attacchiamo. Insomma i cittadini di San Cesario come quelli di Adro non hanno il diritto di essere informati.


 










Redazione Senzafiltro

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


StampaEmail

Apertura de cuenta bet365.es